A proposito degli Autogiri

Di cosa si tratta il polverone sui giroscopi.

Gli autogiri, o girocotteri, rappresentano una rivoluzione silenziosa nell'aviazione personale che è decollata negli ultimi 10 anni: come gli ultraleggeri sono piccole macchine volanti birosto ma A DIFFERENZA degli ultraleggeri volano stabili come un Jumbo Jet anche in verti a raffiche, non possono stallare e atterrano in spazi piccoli come un campo da tennis.

Come volano i giroscopi.

Anche se sembrano simili agli elicotteri, la loro costruzione e il modo di volare è completamente diverso. Per dirla semplicemente, i giroscopi hanno pale rotanti in cima per fornire sollevamento (simile agli elicotteri), ma i rotori non sono alimentati dal motore, invece i giroscopi hanno un motore a elica sul retro che fornisce spinta.

Quando l'elica sposta il giroscopio in avanti, spinge il vento attraverso le pale del rotore che si auto-propongono (auto-ruotano) a causa del modo in cui l'aria scorre attraverso di esse. Questo li induce a girare progressivamente più velocemente fino a quando l'ascensore che producono solleva il giroscopio in aria.

I due diagrammi seguenti mostrano la principale differenza di funzionamento tra un elicottero e un giroscopio

I giroscopi non possono fermarsi

Se il motore si guasta, il pilota non ha nemmeno bisogno di mantenere la velocità. Man mano che il giroscopio inizia a scendere, l'aria continuerà a fluire nei rotori dal basso, mantenendoli auto-rotanti in modo da smorzare la discesa a una velocità simile a un paracadute.

Intendiamoci, non vorrai atterrare in questo modo, poiché danneggerebbe seriamente la tua macchina e ti faresti del male! Tuttavia rende possibile atterrare in uno spazio molto breve.

I giroscopi possono scendere verticalmente e svasarsi all'ultimo minuto per un atterraggio ultra corto

Sono stabili e facili da pilotare.

I giroscopi tendono a essere più facili da pilotare poiché hanno solo tre comandi di volo (pedali del timone, acceleratore e leva di comando) che è molto più semplice di un aereo o di un elicottero, rendendolo perfetto per i principianti che non hanno mai volato prima. Inoltre, i giroscopi non richiedono tanto spazio per decollare o atterrare come fanno gli aeroplani o gli elicotteri. La maggior parte dei giroscopi al giorno d'oggi richiedono solo circa 20 metri di pista per far scendere le ruote da terra e lo stesso per un rolldown durante l'atterraggio. Ciò significa che possono essere fatti volare praticamente dappertutto e, soprattutto, possono atterrare in sicurezza anche in campi molto accidentati data la loro velocità di atterraggio estremamente bassa (in genere 15 mph)

Sono molto manovrabili.

Poiché lo stick controlla l'intero rotore, e non solo piccoli lembi sulle ali come nel caso di un aeroplano, i giroscopi possono facilmente eseguire curve estremamente strette impossibili con altri piccoli aeromobili: un'abilità molto gradita dovresti dover manovrare in un piccolo campo durante un atterraggio di emergenza.

Possono decollare verticalmente e librarsi?

No, non possono: questo richiederebbe un rotore motorizzato e quindi solo gli elicotteri possono farlo. Per lo stesso motivo non possono librarsi senza perdere altezza. Tuttavia i giroscopi possono volare a una velocità di 35 mph, quindi è praticamente possibile librarsi sul terreno in una giornata ventilata semplicemente puntando il giroscopio in vento.

Quando sono stati creati i giroscopi?

Il padre del girocottero è Juan de la Cierva, un ingegnere spagnolo, che all'inizio degli anni 1920 era ossessionato dalla creazione di un aereo con tre motori in grado di volare in sicurezza a velocità più basse. De la Cierva ha creato alcuni protoipi (C1, C2 e C3) ma tutti hanno fallito a causa di errori nella progettazione del rotore. Fu fino a quando, nel 1923, quando de la Cierva completò un volo completo con il modello C4, che chiamò "autogiro" in spagnolo. E così nacque il moderno Gyrocopter!

Juan de la Cierva con uno dei suoi modelli di "autogiro".

Allora perché il loro recente aumento di popolarità?

Dall'invenzione degli elicotteri i giroscopi sono entrati nel retro e si sono limitati alle macchine costruite in casa. Tutto è cambiato negli ultimi anni, quando i giroscopi costruiti in fabbrica certificano gli standard aeronautici rigorosi arrivati sul mercato. Oggi ci sono decine di aziende che propongono diversi modelli di diverse capacità di seduta e versioni aperte o completamente chiuse.

Ecco un buon video introduttivo che offre una panoramica eccellente.

Quanto costano e ho bisogno di una patente di pilotaggio?

La maggior parte dei giroscopi costruiti in fabbrica, come l'MT-03 (uno dei più popolari) costano circa £ 35.000- £ 40.000 sterline e sono approvati dal Autorità per l'aviazione civile del Regno Unito (CCA) da utilizzare nel Regno Unito. Ogni altro giroscopio costruito o modificato da un dilettante è regolato dal Associazione degli aeromobili leggeri (LAA).

Non solo, ma dovresti anche richiedere un Licenza di pilota privato (PPL) sul sito Web CAA se si desidera volare un solo.

Di quanta formazione avrò bisogno?

Questo dipende davvero dall'individuo mentre tutti imparano ad un ritmo diverso, ma normalmente ci vorrebbero circa 40-50 ore di allenamento per essere in grado di imparare a pilotare un girocottero. Di quelle ore, 30 dovranno essere sotto la supervisione di un istruttore di volo, più altre 10 ore di volo da solo. Queste ore sono ridotte se hai già un altro tipo di licenza di aereo, come un Microlight o un'ala fissa.

Una volta terminato il corso di formazione, dovrai superare un test teorico e una valutazione pratica, nota come Test di volo generale, si tratta di una serie di manovre e procedure sotto la supervisione di un esaminatore.

Quali giroscopi posso comprare?

Abbiamo compilato un elenco della maggior parte dei giroscopi attualmente in produzione qui.